La recensione di PUNK ROCK (in Italian)

0
70
PUNK ROCK
“Mi mostra i muscoli.”

L’elettrizzante opera di Simon Stephen Punk Rock sta finalmente debuttando a New York dopo la prima a Londra al Lyric Hammersmith cinque anni fa. Basato sull’esperienza di Stephen come insegnante di scuola superiore nel Regno Unito, lo spettacolo segue un gruppo di studenti liceali in un sobborgo di Manchester. Quando Lilly arriva, fresco di Cambridge, diventa una curiosità per gli altri studenti, in particolare per William, che sembra pensare di avere un legame speciale con lei, ma non è del tutto in grado di esprimere quello che è. Lei è partita per fare nuove amicizie e presto nelle scene introduce le personalità della classe. William è lo stravagante intelligente, Bennet è l’odioso sportivo, Cissy è la sua bellissima fidanzata con una memoria fotografica, Chadwick è il più piccolo della classe ma il più intelligente di tutti. Tanya è la ragazza beta con una cotta per il suo insegnante e Nicola è attratto dal brandy e un po’ alla deriva da tutti gli altri .

Mentre lo spettacolo continua, la leggerezza e l’umorismo del dialogo diventano sempre più inquietanti e si scopre che William non sta dicendo sempre la verità a Lilly su se stesso o sugli altri della loro classe. Chiede un appuntamento a Lilly e lei lo rifiuta educatamente, dicendogli che non è interessata a uscire con nessuno ma che è lusingata dall’offerta. Perciò prende il via una nuova dinamica tra gli studenti e uno che porta l’antagonismo latente in testa.

Come in quasi ogni produzione newyorkese di un’opera britannica, gli accenti sono piuttosto irregolari, ma la maggior parte della recitazione è abbastanza buona. L’intera rappresentazione si svolge nella biblioteca della scuola superiore che è per lo più priva di libri e funziona come luogo per gli studenti adatto a bighellonare, baciarsi, insultarsi l’un l’altro e cercare di leggere prima di rendersi conto che questa particolare parte della biblioteca non è per studiare per gli esami, ma per studiarsi l’un l’altro .

Abilmente diretto da Trip Cullman, lo spettacolo cattura adolescenti parlare molto bene (almeno sembra catturare la parlata britannica adolescente del 2009 molto bene) e il modo in cui alcune azioni possono effettivamente avere un peso vitale o mortale anche quando si trovano del tutto privi di responsabilità o mortalità . La penultima agghiacciante scena dell’opera è tragica e scioccante e ancora del tutto credibile.

punk18f-4-web
“Hai mai baciato un ragazzo?” “No.” “Sei sicuro?” “Si.”

punk_rock_production_still

Punk-Rock-618x400

23SUBPUNKCAST3-articleLarge
“Lo sai perché sei così grassa?” “Perché mangi troppo.”

2014-11-17-PUNK_ROCK_2

RECENSIONE TEATRALE di Kate Mulley, New York

TRADUZIONE di Lorenzo Crestani, Milano