CINQUANTA SFUMATURE DI INCASSO : LA RECENSIONE DI CINQUANTA SFUMATURE DI GRIGIO

0
33

fifty-shades-of-grey-01_0

fifty-shades-of-grey-dakota-johnson-jamie-dornan

Le ore trascorse dalla scrittrice britannica E. L. James sulla fanpage di Twilight hanno portato alla nasita il romanzo che ha venduto più di cento milioni di copie in tutto il mondo e che ora conta una fan base ancora più grande da cui è tratto il nuovo film campione d’incassi. Questo nuovo fenomeno mondiale si chiama Cinquanta Sfumature di Grigio.

Co-prodotto dalla Universal Picture/Focus Features e diretto da Sam Taylor-Johnson (Nowhere Boy), il film, con molti riferimenti a Nove Settimane e Mezzo e Ultimo Tango a Parigi, affronta il singolare rapporto tra un giovane e benestante imprenditore, Christian Grey, interpretato da Jamie Dornan (The Fall) ed una studentessa, Anastasia Steele, interpretata da Dakota Johnson (21 Jump Street). Un’intervista per il giornale della scuola e lo sguardo vulnerabile ma curioso di Anastasia incontra l’animo “gentile, intenso, intelligente e intimidatorio” del giovane uomo d’affari. Lei nota immediatamente la capacità di Christian di esercitare il controllo su ogni cosa e il loro reciproco interesse li porta a instaurare un rapporto fatto di regali letterari, escursioni in elicottero e costose auto. Durante il loro primo appuntamento, lei scopre inaspettatamente che Christian è coinvolto nel sadomasochismo, quando le mostra la sua stanza rossa piena di giocattoli e attrezzi BDSM(Bondage&Devozione, Dominazione&Sottomissione, Sadismo&Masochismo). Christian la informa che per continuare a vedersi, lei deve per forza firmare un contratto di dominante/sottomessa che vieta una relazione romantica, consentendone solo una sessuale. Prima stuzzicandolo e rifiutando di onorare le parti del contratto, poi incontra Christian per discuterne. Dopo la laurea, Anastasia accetta di firmare il contratto, ma prima di questo chiede a Christian di punirla per mostrarle quanto sarebbe estremo un rapporto BDSM con lui. Questa dimostrazione la porta a rendersi conto che sono incompatibili, e nonostante il suo interesse per Christian, lo lascia.

Questo film davvero atteso viene rilasciato tre anni dopo la pubblicazione del primo best-seller della trilogia che comprende il secondo, Cinquanta Sfumature di Nero(2012) e il terzo, Cinquanta Sfumature di Rosso(2012).

Tecnicamente, la fredda fotografia corrisponde correttamente alla personalità di Mr. Grey, anche se la color-correction a volte è divertente pensando ai cognomi dei personaggi – Grey e Steele. Tuttavia, con sollievo, la freddezza diminuisce durante le scene nella stanza rossa o con la famiglia, mostrando che ci sono luoghi e momenti in cui Mr. Grey diventa più umano: se questo è un bene o un male è irrilevante.

La colonna sonora è l’aspetto più riuscito di tutta la produzione, canzoni originali e remixate da Beyoncé, Ellie Goulding e Sia portano il film ad un livello molto elevato. Purtroppo, per quanto riguarda la qualità del progetto, la scelta di questo adattamento – semplicemente  prendere un best-seller con un grande seguito – lascia un po’ a desiderare.

L’ unidimensionale relazione sessuale dei personaggi manca di pathos, rivelando alcuni punti deboli.

Il personaggio di Christian Grey è troppo glamour: ha bisogno di lasciarsi andare e di essere un po ‘di più “imperfetto”, anche se Mr. Grey incarna la perfezione, l’avrebbe aiutato a essere più coinvolto nelle scene di sesso, invece di far sembrano finte. Le scene BDSM necessitano di un completo riaggiustamento – non sono convincenti. Sono per lo più ricordi di casalinghe annoiate, che sognano un uomo che si prenda cura di loro, ma avendo la sensazione di non meritarlo, in cambio dei suoi favori, credono di dover pagare un piccolo prezzo per bilanciare la vicenda.

L’aspetto più evidentemente negativo è la mancanza di chimica tra i due protagonisti. Non sembrano immedesimarsi nella liaison dei personaggi – un peccato totale!

Jamie Dornan, affascinante e misterioso, con il look giusto per interpretare Grey, sembra aver imparato BDSM attraverso il training, senza la sua personale esperienza e un disagio interiore, che brilla attraverso il libro, ma invece, in questo film appare troppo personaggio Hollywoodiano.

Dakota Johnson è esteticamente piacevole, ma non completamente coinvolta nella situazione che sta vivendo. A volte, la sua recitazione tende ad infastidirmi, come se avesse bisogno di dimostrare che sa recitare piuttosto che semplicemente diventare ed essere il personaggio. Ciò si traduce in tratti banali che sono ridondanti come è il dialogo.

Qui non c’è niente da poter confrontare con Nymphomaniac di Lars Von Trier, considerato un capolavoro, ma rivolto a un pubblico più raffinato. Io avrei preferito che Cinquanta Sfumature di Grigio potesse viaggiare solo un km rispetto ai dieci km percorsi da Nymphomaniac. Dal momento che l’obiettivo principale del film è quello di affermarsi come un enorme successo commerciale, questo è stato più che ampiamente raggiunto. I fan della trilogia si aspettano che l’aura misteriosa e sofisticata attorno a Mr. Grey, in contrasto con l’ingenua e temeraria Anastasia che ha portato i lettori a innamorarsi di questi personaggi nel libro, si traduca nel film.

Vada al cinema e attenda in fila, “Il signor Grey può vederla ora.”

rs_600x600-140724060141-600.Fifty-Shades-Of-Grey-Trailer-JR1-72414-copy

Fifty Shades Of Grey

CRITICA TEATRALE di Lorenzo Lars Vallot

TRADUZIONE di Lorenzo Lars Vallot